Dr. Gabriela Silvana Vasilescu - Medicina Estetica, Anti-Aging e Rigenerativa

CRIOTERAPIA (HISTOFREEZER)  

Meccanismo di azione:

Histofreezer agisce secondo il principio della crioterapia tradizionale. Il congelamento, dovuto all’applicazione di una sonda criogenica, dà luogo al distacco dell’epidermide dai tessuti cutanei sottostanti, causando l’eliminazione della stessa e quindi della lesione.   


Indicazioni:

Histofreezer è efficace per il trattamento di:
  •  macchie senili (ad esempio sulle mani), 
  • verruche, 
  • ipercheratosi, 
  • lentigo, 
  • fibromi penduli.

Periodo indicato per i trattamenti : Autunno-inverno e primavera   

Tempo di applicazione: 
Le applicazioni durano pochi secondi (da 15 a 25 secondi) e provocano una sensazione di bruciore, mitigata dall’anestesia dovuta all’abbassamento della temperatura.

Generalmente è necessaria un’unica applicazione che può essere al bisogno ripetuta dopo 4-6 settimane, a diretta dipendenza della natura biologica, della dimensione, nonché dello spessore della lesione da trattare.   

La guarigione avviene in alcune settimane. 

Attenzione!
Per ridurre al minimo il rischio di possibili inestetismi non bisogna togliere con forza prima del tempo le eventuali croste. Inoltre dopo che la crosta cade bisogna applicare per alcuni giorni una crema riepitelizzante sulla parte trattata, non esporre la parte al sole o a lampade solari nei giorni successivi al trattamento, non esporla al freddo intenso o a temperature troppo elevate (sauna, acqua bollente,…), evitare per alcune settimane qualsiasi trauma a carico della zona trattata. Utilizzare sempre crema di protezione solare UVA e UVB fattore di protezione min 30.

Possibili effetti indesiderati: dopo il trattamento si possono avere macchie più chiare  o più scure rispetto alla pelle circostante. Tali discromie di norma scompaiono in 4-6 settimane.